Lavorare a Roma dopo il Coronavirus

Lavorare a Roma dopo il Coronavirus in sicurezza, non è poi così semplice. Da fine febbraio il mondo dello Spettacolo e quello dei servizi video si è fermato. Non era mai accaduto. Riprendere la vecchia attività ha lasciato tutti con un sapore strano nel palato.

Mascherine e guanti per il Covid 19

Abituati a toccarsi, a scambiarsi gli attrezzi, a confidarsi in un orecchio, risulta artefatto con mascherine e guanti. Si ha paura, ma non lo si vuole dare a vedere. Ci sarà molto lavoro per gli psicologi nei prossimi mesi!

Chroma Key per pubblicità

Ci siamo dati appuntamento, come non si faceva da tempo, alle 9 del mattino nella sede di via Cassia. Tutti puntuali, anche chi veniva da lontano, come gli attori di Aprilia.

Green Screen

Abbiamo montato il Set Virtuale con il Chroma Key e tutte le luci che servono. Bello lavorare, altro che! La mascherina da molto fastidio ed alla lunga stanca. Telecamere, ottiche cine, il ciack. Mirko Ravaglia il grande fonico è presente. Ci aveva spaventato 3 giorni prima dicendo che aveva un raffreddore….. di questi tempi, tutti scappati.

Bruciare il tempo per recuperare

Un errore che si commette quando si sente l’odore della libertà è quello di aver fretta. Essere stati forzosamente fermi porta a voler recuperare il tempo perduto. Erano programmati 4 Spot nella sede, ma un potenziale cliente ci ha chiamato due giorni prima per un preventivo. Un marchio importante Finestral, dalla Sicilia per valorizzare infissi e finestre. Ecco l’idea di fare un provino anche di quello, improvvisando. Per bruciare i tempi.

Il tempo vola e la fatica non si sente

Lavorare a Roma dopo il Coronavirus ha messo a tutti adrenalina. Provare ad inventarsi uno Spot dal nulla, pur avendone già altri ben scalettati. Ma l’entusiasmo accende il desiderio di essere di nuovo su un Set. Il Chroma Key non permette errori. le luci debbono essere dosate tra il fondale e la siluette degli attori. Basta un ombra per rovinare tutto. Eppure ci siamo riusciti e dopo due giorni abbiamo montato quasi tutto il lavoro.

Essere una grande squadra anche al tempo del covid 19