Videoclip Musicale gruppi e cantanti

Videoclip Musicale gruppi e cantanti

Durante la ripresa del videoclip oy Chehuen

Dall’Analogico al Digitale

Riproponiamo l’intro di un famoso videoclip anno 2007. Era l’esordio dell’Alta definizione. Videomnia da poco era passata dall’analogico al digitale. Un videoclip che ci ha fatto crescere. Un gruppo Argentino bravo a cantare ma anche colto cinematograficamente. Ci siamo trovati a realizzare un lavoro importante in un momento delicato. Chi non lo ha vissuto non può capire cosa voglia dire un cambio di era. Dall’Analogico al Digitale è come dal Medioevo al Rinascimento.

Un vero videoclip musicale

I Farias ci chiesero qualcosa di bello ed innovativo. Non avevamo mai fatto qualcosa del genere. Doverlo poi fare con telecamere nuove e con un computer ci mise a dura prova. Avevamo lavorato in Betacam o dvcam e montato in A-B Roll. Il non lineare era ancora misterioso e pieno di insidie. Ci appoggiammo ad un Partner ed amico e ci buttammo nel lavoro.

Videoclip Musicale gruppi e cantanti

Moltissime riprese in esterna tra cui una al mare ad Ostia. 3 Telecamere Sony Z1, HDV. Una steadycam. Un set di luci con il generatore di corrente. Vari operatori, assistenti, truccatrici, fonico, fotografo. Un vero Set. Poi altre esterne in montagna, a Roma, a Viterbo. Una ripresa in uno studio di registrazione. Qualcosa con il set virtuale. Tanto, tanto editing. Eppure, nonostante l’inesperienza con il digitale, un successo. Quel video girò il mondo e nel sud America fu un grande trionfo.

Lo Storyboard è fondamentale

Per girare un filmato così serve uno storyboard. Una scaletta musicale e di immagini rigorosa. Tutto in Playback ovviamente per avere il suono migliore. Color correction, effettistica e ricerca del singolo fotogramma. Siamo grati ai Farias anche se ci hanno utilizzati per creare e poi hanno venduto tutto ad un produttore discografico. Per noi un grande stimolo e la prova di saper affrontare anche prove difficili. Risolvere anche quello che non avevamo fatto prima.
 

Altri esempi di nostre realizzazioni

 

 
 

Videoclip Musicale gruppi e cantanti

 

Tanti i videoclip realizzati anche per festival come Sanremo. Le tecniche cambiano ma lo scopo è sempre quello di valorizzare. A volte è difficile ma finora ci siamo sempre riusciti. Anche questo è un filmato di molti anni fa. Il cantante lo avevamo conosciuto producendo una docufiction. Ci ha chiesto di promuovere questo brano, lo abbiamo aiutato. Spesso utilizziamo il set virtuale per limitare i costi e creare situazioni altrimenti improbabili. Ovviamente il budget fa sempre da padrone, ma si trovano soluzioni low cost.

Canon C 300 Mark II Cinema musicale

Con la tecnologia 4 K e con una telecamera cinematografica il videoclip si trasforma. Presto pubblicheremo qualcosa di completamente nuovo. La Tecnologia avanza e non si può ignorarla. Le inquadrature cinematografiche sono diverse. Diverso il colore, diverse le sequenze. L’utilizzo di Gimbal o Moovie permette movimenti di macchina eccezionali. Anche l’Editing ha fatto passi da gigante ed un Videoclip può solo guadagnarne. Infine due parole sulle luci: fanno la differenza se utilizzate professionalmente.
 

Infine un videoclip di un cantante emergente che ha pagato il colore della pelle

 

Realizzato qualche anno fa in collaborazione con un discografico di Roma. Il cantante di origine filippina ma naturalizzato inglese molto dotato. Invitato durante le riprese anche a Rai 1. Lavorammo per alcuni giorni nel nostro studio essendo venuto a Roma da Londra. Durante tutto il periodo delle riprese e del montaggio ci siamo coordinati con un produttore degli Stati Uniti. Ci ricordiamo le telefonate e le email nelle ore più disparate per il fuso orario. Aveva grandi potenzialità ma pagava il prezzo del mercato. Nonostante gli sforzi: la produzione era davvero grande. Non riuscì a sfondare trovando mercato solo in Asia. Noi lavorammo giorno e notte seguendo le istruzioni da oltre oceano. In pochi giorni lo completammo ma come abbiamo ricordato non fu il successo sperato. In quel caso sperimentammo cosa vuol dire lavorare su tre fronti. Da un lato i genitori inglesi del minore. Poi il discografico italiano. Infine la Produzione americana che da lontano controllava. Difficile, veramente difficile perchè ognuno aveva una strada diversa. Esempio quell’insistenza su Apple, impostaci che stonava molto. A volte è meglio seguire una linea univoca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

//]]>